Progetti Standard

Progetto Standard
INNOMED-UP
Promoting UPcycling in Circular Economy through INNovation and education for creative industries in MEDiterranean cities
A – Promuovere lo sviluppo economico e sociale
A. 2 – Sostegno a istruzione, ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione
A.2.2 – Accesso delle PMI alla ricerca e all'innovazione

National Technical University of Athens (Grecia)

  • Comune di Prato (Toscana)
    Referente: Besnik Mehmeti
    E-mail: -

  • CRESM – Centro Ricerche Economiche e Sociali per il Meridione
    Referente: Alessandro La Grassa
    E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. 
  • Environmental Planning Engineering and Management (Grecia)
  • Municipality of Tunis (Tunisia)
  • Birzeit University (Palestina)
  • Future Pioneers for Empowering Communities’ Members in the environmental and educational fields (Giordania)

I principi dell’economia circolare per affrontare il problema della produzione di rifiuti: temi di estrema attualità nei centri urbani del Mediterraneo, che possono trovare una svolta positiva se correlati alle Industrie Culturali e Creative (ICC - Cultural and Creative Industries). Il progetto INNOMED-UP, infatti, si propone di lavorare con queste ultime per migrare le economie urbane locali verso una produzione circolare ed un paradigma di consumo che include l’utilizzo ottimale di risorse materiali, miglioramento dell’innovazione per le PMI, trasferimento delle conoscenze tra le città, inclusione sociale ed impegno dei cittadini. Si interviene, dunque, a livello transfrontaliero supportando sia gli sviluppi tecnologici (come i moderni procedimenti di riutilizzo, piattaforme informative tecnologiche, ecc.) e le pratiche di riciclo tradizionali. Dall’implementazione delle succitate procedure, si raggiungono di conseguenza risultati significativi: contratti di lavoro indirizzati ad esperti scientifici/staff tecnico e, a favore delle PMI, possibilità di ricerca derivanti dai gruppi e dai voucher per l’innovazione per acquisire strumenti e tutoraggio.

Costruendo un’identità comune ed integrando negli schemi produttivi i principi dell’economia circolare, le città mediterranee possono creare ambienti e comunità urbane resilienti, costituendo un quadro di supporto per un gruppo di PMI e Industrie Culturali e Creative. Le azioni partono da un modello, per incoraggiare una economia circolare nella pianificazione urbana; 1 sistema di informazione centralizzato per monitorare la raccolta dei rifiuti; 1 deposito open-source per condividere progetti circolari e strumenti di progettazione ecologica; 27 prodotti e servizi pilota innovativi; 2 mercati aperti dell’usato per incoraggiare il riutilizzo e l’utilizzo creativo di rifiuti o materiali indesiderati. In più, INNOMED-UP considera l’introduzione di 2 strumenti smart per la raccolta dei rifiuti (biciclette e cestini portarifiuti) e l’assegnazione di € 205.000 alle PMI come voucher per innovazione e tutoraggio. Tra i risultati attesi si annovera anche il coinvolgimento di 60 PMI ICC in attività di formazione sull’economia circolare e 6 gruppi di PMI ICC con sede in città storiche selezionate dell’area mediterranea.

  • 60 PMI provenienti dal settore culturale e creativo,
  • Persone disoccupate e marginalizzate (principalmente giovani e donne)
  • Autorità regionali e locali
  • Più di 3.000 cittadini
01-09-2019
31-08-2022
3.1 milioni di euro
  • Comune di Prato (Toscana): € 457.515,95
  • CRESM – Centro Ricerche Economiche e Sociali per il Meridione: € 243.366,15
#Circular_Economy #Clusters #Innovation #Technology #cross_border #social_inclusion
Torna all'inizio del contenuto