Progetti Standard

Progetto Standard
MED GAIMS
GAmifIcation for Memorable tourist experienceS
A – Promuovere lo sviluppo economico e sociale
A. 1 – Competitività e sviluppo delle Piccole e Medie imprese
A.1.3 – Turismo sostenibile

American University of Beirut (Libano)

  • Fondazione Alghero (Sardegna)
    - Referente: Paolo Sirena
      E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
    - Referente: Maria Giovanna Fara
      E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

  • i2CAT Private Foundation, Internet and Digital Innovation in Catalonia (Spagna)
  • Directorate General of Antiquities (Libano)
  • The Hashemite Kingdom of Jordan Ministry of Tourism & Antiquities – Department of Antiquities (Giordania)
  • Jordan University of Science and Technology (Giordania)
  • Local Business Public Entity Neàpolis (Spagna)

Non solo turismo. Con il progetto MED GAIMS si sviluppano giochi in format fisico e virtuale per creare vere e proprie esperienze per i turisti, dando un taglio competitivo necessario all’attrattività di siti meno conosciuti. Così si cerca di far aumentare i flussi turistici, coprendo tutte le nicchie ed i segmenti come quelli dei viaggiatori fuori stagione, creando opportunità di lavoro e start-up per imprenditori in ambito ludico. Si parla di “turismo esperienziale”, dunque, e di un processo di valutazione multiculturale e transfrontaliera delle iniziative da realizzare, prima di rendere il progetto fruibile ai turisti internazionali. Per concettualizzare ed implementare i giochi, pertanto, si parte dalle comunità locali, grazie all’autoimprenditorialità o alle start-up, per persone che abbiano competenze elevate (tecnologiche) oppure no (manuali, organizzative). L’obiettivo non è solo creare nuove opportunità di lavoro/commerciali per i giovani, donne e PMI locali, ma anche migliorare la considerazione turistica delle destinazioni grazie a esperienze testate a livello culturale, incoraggiando l’esplorazione di siti diversi, permanenze più durature e ritorni in loco.

Le attività partono dalla scelta di 40 giochi da sviluppare in 12 siti turistici di 8 destinazioni diverse. Di lì, il passo si prevede breve per la realizzazione di un seminario tecnico sul “Turismo Esperienziale", due competizioni in ambito creativo e culturale, più 40 iniziative pilota (applicazioni di giochi sviluppate per siti turistici), 8 strategie turistiche esperienziali ed una serie di strumenti per supportare imprenditori attuali e futuri del settore. Certo, la “gamification” è culturalmente sensibile, considerando il fatto che non tutti hanno lo stesso senso del divertimento, ma la sfida di MED GAIMS traccia fin da subito modalità puntuali per il raggiungimento di un Turismo sostenibile dai molteplici scenari e risvolti. In agenda, ai fini della progettazione di giochi, tra l’altro, ci sono anche 8 laboratori ed 8 hackathon. Questi ultimi sono eventi ai quali partecipano, a vario titolo, esperti di diversi settori dell'informatica, come sviluppatori di software, programmatori e grafici. Il progetto, quindi, punta a raggiungere i turisti più esigenti ed esperti che non vogliono solamente osservare, ma anche sperimentare i luoghi e amplificare la possibilità di interazione reale con i rispettivi abitanti.

  • 40 attori pubblici (manager delle destinazioni turistiche, manager dei siti, autorità politiche nel turismo)
  • 40 attori privati (da organizzazioni della società civile locale, associazioni culturali ed industriali, scuole, PMI) coinvolte nel design dei giochi e nella loro implementazione ed anche nelle attività di supporto commerciale
  • Disoccupati e giovani laureati
01-09-2019
31-08-2022
2.3 milioni di euro

Fondazione Alghero (Sardegna): € 416.640,88

#GOMED #MEDGAIMS #enicbcmed #gamification
Torna all'inizio del contenuto