Progetti Standard

Progetto Standard
BESTMEDGRAPE
New Business opportunities & Environmental suSTainability using MED GRAPE nanotechnological products
A – Promuovere lo sviluppo economico e sociale
A. 2 – Sostegno a istruzione, ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione
A.2.1 – Trasferimento tecnologico e commercializzazione dei risultati della ricerca

Università di Cagliari (Sardegna)
- Referente: Maria Manconi
  E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
- Referente: Gianluigi Bacchetta
  E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Istituto di scienze e produzione alimentare – CNR (Italia)
Referente: Antonio Dore
E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

  • The National Institute of Health and Medical Research (Francia)
  • University of Carthage (Tunisia)
  • Saint Joseph University of Beirut (Libano)
  • The National Trade Union Chamber of wine, beer and spirits' producers (Tunisia)
  • Berytech Foundation (Libano)
  • Jordan Society for Scientific Research (Giordania)

BESTMEDGRAPE riscopre l'uva, non solo come coltura tradizionale nell'area del Mediterraneo per la produzione di vino di qualità, ma anche come fonte di composti bioattivi che possono essere trasformati in innovativi prodotti sanitari commerciali. Un potenziale che sostiene la creazione di nuove startup e PMI attraverso il trasferimento di conoscenze scientifiche e tecnologiche su coltivatori locali e lo sfruttamento dei sottoprodotti del frutto. L’idea, quindi, è di espandere la catena di valore dell'uva grazie allo sviluppo di formulazioni antiossidanti, anti-infiammatorie e anti-neurodegenerative nanotecnologiche. I risultati? Tutti a vantaggio dell'economia locale e della conservazione della biodiversità dello spazio Mediterraneo. Da un lato, infatti, la mission del progetto è creare nuove opportunità di lavoro, dall’altro ridurre l'inquinamento, evitando la contaminazione ambientale dovuta all'enorme quantità di rifiuti ingombranti generati durante la vinificazione. 

Come ottenere il massimo dall'uva e dai suoi scarti? La risposta è nelle attività specifiche del progetto, che si concentrano sull’avviamento di 20 laboratori viventi e almeno 4 co-pubblicazioni sulla caratterizzazione ed estrazione di cultivar autoctone; una piattaforma tecnologica transfrontaliera sviluppata per supportare le reti aziendali sullo sfruttamento dei rifiuti di uva; 250 analisi precompetitive di prodotti e servizi promettenti; 10 prodotti e servizi sviluppati per la commercializzazione nell’ambito dei derivati dell'uva. Le aspettative comprendono, infine, 250 utenti interessati a studi tecnologici (analisi precompetitiva), 10 società di nuova costituzione che operano nella produzione e commercializzazione di prodotti e servizi innovativi, 150 potenziali imprenditori selezionati per lo sfruttamento di prodotti e servizi di settore. BESTMEDGRAPE rappresenta, dunque, un modello di gestione lungimirante delle numerose proprietà botaniche e benefiche delle coltivazioni locali, con particolare attenzione alla preparazione di prodotti nanotecnologici, cosmeceutici e nutraceutici di alta qualità.

  • Agricoltori e cantine locali
  • 35 ricercatori nella fase iniziale
  • 210 potenziali imprenditori
  • Imprese esistenti e società di trasformazione industriale interessate al riciclo dei rifiuti della vinificazione
  • I consumatori e gli utenti finali interessati a prodotti a base di uva rispettosi dell'ambiente
  • 15 istituzioni pubbliche coinvolte nella sostenibilità ambientale
01-09-2019
01-09-2022
3.3 milioni di euro
  • Università di Cagliari (Sardegna): € 939.379,75
  • Istituto scienze produzioni alimentari - CNR: € 394.259,90
#GOMED
Torna all'inizio del contenuto